Doron Amir, CEO di CyTaka (a sinistra) e l'ex capo di stato maggiore israeliano Gadi Eizenkot al CyTaka il campionato mondiale di cyber a Sde Boker | Foto: Josu Social
Doron Amir, CEO di CyTaka (a sinistra) e l'ex capo di stato maggiore israeliano Gadi Eizenkot al CyTaka il campionato mondiale di cyber a Sde Boker | Foto: Josu Social

Games of War: la simulazione di attacco informatico israeliano che ha catturato l’attenzione del mondo

Due squadre, gli attaccanti di Herzliya e i difensori di Sde Boker, hanno simulato un vero e proprio attacco informatico. La competizione si è svolta in presenza dell'ex direttore generale della direzione nazionale informatica, Yigal Unna, e dell'ex capo di stato maggiore israeliano, Gadi Eizenkot
Share on email
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter
Share on facebook

Brandvoice

Gli organizzatori di CyTaka, il campionato mondiale di cyber, hanno organizzato di recente una competizione cyber nel deserto del Neghev, che ha simulato un vero attacco informatico. La competizione ha visto disputare una squadra rossa (attaccante) e una blu (difensiva). La gara di due giorni si è svolta presso lo Sherman’s Hotel della Sde Boker School. La squadra attaccante aveva sede negli uffici CyTaka a Herzliya, mentre la squadra di difesa era a Neghev.

Il concorso ha coinvolto l’innovativo prodotto “CyTaka-Cube” che ha attaccato in modo casuale e anonimo i due gruppi. Entrambe le versioni, difesa blu e attacco rosso, saranno disponibili al di fuori di Israele solo con l’approvazione dell’Israel Export Institute e dello Stato di Israele. Alla cerimonia di apertura del concorso, Yigal Unna, ex direttore generale della direzione nazionale informatica, ha sottolineato l’importanza dell’informatica in un Paese come Israele. “Da tre mesi sono fuori dalla direzione cyber, posizione che ho ricoperto per quattro anni. In totale, sono passati 33 anni da quando sono entrato in questo settore chiamato cyber”, ha detto Unna.

CyTaka Cube – Addestramento militare o aziendale?

“Lo chiamavamo con nomi diversi, ma non è cambiato. Doron Amir, ceo di CyTaka, lo ha descritto perfettamente: “Azione costante”. Nelle arene dei sistemi informatici, 33 anni dopo questo bug non si è stabilizzato o scomparso, anzi. Ecco perché sono così felice di unirmi a voi e vedere tanto entusiasmo. Ci troviamo a poche centinaia di metri dalla tomba di Ben-Gurion, il co-fondatore dello Stato di Israele. Facciamo tutti parte di un’enorme potenza informatica. Se solo Ben-Gurion avesse vissuto qualche anno in più per vedere la forza informatica di Israele in tutta la sua grandezza”.

Il mondo sta guardando

“Bisogna ricordare: non esiste una difesa informatica, non esiste un attacco informatico. Squadra rossa o squadra blu, si tratta pur sempre di una squadra”, aggiunge Unna. “Ci sono turni e una divisione di ruoli e compiti, ma alla fine è lo stesso modo di pensare: come possono penetrare gli attaccanti e come possiamo superarli in astuzia ed essere migliori? Questo è il vero significato del potere, e ciò che distingue Israele dal resto del mondo. Affrontiamo una lotta esistenziale quotidiana, nel mondo cibernetico; potrebbe essere un grande vantaggio. “Non dobbiamo dimenticare: facciamo parte di una cosa molto più grande chiamata Israeli Cyber Powerhouse. La competitività non è un male, anzi: è ciò che ci rafforza. Credimi, il mondo intero sta guardando, imparando e vuole essere come noi. Continueremo a migliorare, grazie a te”.

L’importanza delle giovani generazioni

Al termine della competizione, l’ex capo di stato maggiore israeliano, Gadi Eizenkot, è intervenuto e ha consegnato il premio alla squadra vincitrice a nome dell’ex capo del Mossad, il defunto maggiore generale Meir Dagan. “Il fatto che lo Stato di Israele sia percepito in tutto il mondo come una nazione in fase di avviamento, con capacità molto elevate in questo campo, offre all’IDF enormi vantaggi, sia nel modo in cui opera, sia nel desiderio del mondo di cooperare con lo Stato di Israele”, ha spiegato Eizenkot.

Doron Amir, amministratore delegato di CyTaka (a sinistra) ed ex direttore generale della direzione nazionale informatica Yigal Unna | Foto: Josu Social

“Questo spirito si riflette in tutti coloro che prendono parte al campionato cyber di Doron Amir. C’è un grande interesse nei confronti di una generazione giovane e curiosa che pensa fuori dagli schemi. Ho visto il grande contributo di giovani uomini e donne e spero vivamente che il prossimo anno almeno la metà di questo gruppo sarà composta da donne. Con l’auspicio che un domani avranno un ruolo sempre maggiore nella società israeliana.

“Come capo del Mossad, il compianto Meir Dagan ha guidato la lotta contro il programma nucleare iraniano ed è stato una figura chiave negli ultimi decenni nella prevenzione della capacità nucleare iraniana. La lotta ha toccato più fronti, incluso quello della dimensione cibernetica”, ha affermato Eizenkot.

Doron Amir, ceo di CyTaka, ha dichiarato: “Israele sta guidando il settore cyber globale e questo può essere visto nella sicurezza, nell’industria e nell’istruzione. Il campionato mondiale di cyber di CyTaka porta consapevolezza e l’importanza di produrre risultati ed eccellenza nel cyber a livello globale. Più è sviluppato il campo informatico, in più Paesi del mondo, più sicuro e protetto sarà il mondo.

L’idea di cooperare a livello internazionale mette in collegamento diverse nazioni, che vedono gli attacchi informatici come un problema comune e preoccupante. Quando il potere è nelle mani sbagliate, può danneggiare tutti noi in termini di sicurezza, economia e qualità della vita moderna.

Abbiamo bisogno di più collaborazioni e interdipendenza tra uomo e tecnologia, quindi permettiamo a tutti, da ogni nazione e Paese, di partecipare al campionato cyber di CyTaka, che si svolge anche nell’arena internazionale e consente a tutti di dimostrare eccellenza e abilità speciali nel cyber.

Share on email
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter
Share on facebook

Newsletter Subscription

More Articles